Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
TEATRO DELLE BRICIOLE, A GERUSALEMME VIA BARCELLONA
Un estate segnata da due grandi appuntamenti internazionali per il Teatro delle Briciole...
Appuntamenti in agenda (9)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 9 Novembre al 28 Aprile
UN POSTO PER I RAGAZZI 2017.18
Tutto il programma della nuova stagione di teatro per le scuole
Tutte le rassegne e festival (1)
PRODUZIONI
VAI AL CATALOGO ONLINE
Découvrez tous les productions du Teatro delle Briciole...
Tutte le Produzioni
IL TEATRO DELLE BRICIOLE A BARCELLONA
Pop up, lo spettacolo che ha messo al centro di una storia il libro animato elevandolo a protagonista, è stato invitato al Festival Grec, uno degli appuntamenti più importanti della vita culturale della capitale catalana
Altre Lingue:     
Il 7  e 8 luglio il Teatro delle Briciole va in scena alla Fondazione Mirò di Barcellona, ospite del Festival Grec, storica rassegna di teatro, musica e danza nata nel 1976 e accreditata come una delle tappe più prestigiose dell`agenda estiva della città catalana.

Pop up, un fossile di cartone animato, è uno spettacolo diretto dai Sacchi di Sabbia, interpretato da Beatrice Baruffini e Francesca Ruggerini, prodotto dal Teatro delle Briciole nell`ambito del cantiere produttivo "Nuovi sguardi per un pubblico giovane" nel 2013 e da allora sempre in tournée in Italia e all`estero.

Affidato a I Sacchi di sabbia, formazione di spicco più volte premiata anche con il Premio Ubu, l’Oscar del teatro italiano, lo spettacolo, scritto e diretto da Giovanni Guerrieri e Giulia Gallo, è una reinvenzione teatrale del libro animato, un cartone teatrale che esplora le geometrie dell’immaginario infantile attraverso una versione scenica del libro pop up. Vi si narrano le avventure di un bambino di carta e di una piccola, enigmatica sfera, delle loro metamorfosi e dell’esperienza del mondo che ne nasce. Due attrici, che sono insieme animatrici, Beatrice Baruffini e Francesca Ruggerini, danno vita e voce ai due protagonisti di carta, giocando sull’apparizione delle figure e delle forme nel tempo, sugli intrecci di esse con i loro corpi, sul movimento e sull’illusione del movimento, sulla sincronicità tra voci e tra voci e immagini. Le avventure del bambino danno origine così a un gioco simbolico che tocca aspetti centrali di quell’immaginario: la fantasia, l’invito, la minaccia, il sogno.