Cinema
Informazioni
Cinema Edison
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Largo Otto Marzo, 9/a
43100 Parma (IT)
21 Settembre - 21:00 h.
EVVIVA GIUSEPPE
Il regista Stefano Consiglio presenta l`anteprima parmigiana del documentario prodotto da Solares Fondazione delle Arti e dedicato a Giuseppe Bertolucci
Altre Lingue:     
"Evviva Giuseppe!" è un film sulla vita e i tanti talenti preziosi di Giuseppe Bertolucci: regista di cinema, teatro, televisione, scrittore, poeta. Raccontato attraverso la voce del padre Attilio (che evoca il “doloroso privilegio” dell’essere fratello minore); quella del fratello maggiore Bernardo (che racconta con struggente dolcezza la sua nascita); le testimonianze di amici e colleghi: Lidia Ravera, Mimmo Rafele, Marco Tullio Giordana, Nanni Moretti; i ricordi di alcune tra le sue attrici predilette: Stefania Sandrelli, Laura Morante e Sonia Bergamasco. Con Gian Luca Farinelli (direttore della Cineteca di Bologna); la partecipazione di Fabrizio Gifuni, Emanuele Trevi, Aldo Nove (in certi testi del quale si trovano alcune riflessioni di Giuseppe); il monologo finale di Roberto Benigni che recita un testo scritto in omaggio all’amico di sempre, ormai scomparso. E con il corpo e la voce di Giuseppe, che ritroviamo in tante interviste, backstage, dibattiti e soprattutto nella sua ultima e commovente performance teatrale: "A mio padre - Una vita in versi", in cui racconta l’ansia e la gioia del rapporto con un padre poeta che di lui aveva fatto materia di canto.

Come raccontare un artista così poliedrico, una persona di grande ricchezza umana come Giuseppe Bertolucci, a cui sono stato legato per lungo tempo? Questa la prima domanda che mi sono posto affrontando il progetto del film. La risposta mi è venuta pensando a un altro Bertolucci, Attilio, il padre poeta, che in epigrafe a un suo famoso saggio, Poetica dell’extrasistole, aveva messo queste parole di Paul Klee: “Segua ognuno il battito del suo cuore”. Ecco, è quello che ho tentato di fare, cercando tra il materiale a mia disposizione (di repertorio e girato da me) un percorso emotivo prima ancora che biografico/critico, un racconto per similitudini e contrasti, intessuto di libere associazioni.
Stefano Consiglio