Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
VARIAZIONE DI DATA WEEKEND AL PARCO 2017-18
Gli spettacoli "Girotondo del bosco" e "Il paese senza parole" cambiano data rispetto a quanto an...
Appuntamenti in agenda (18)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 5 Novembre al 25 Marzo
WEEKEND AL PARCO 2017-2018
Tutti gli appuntamenti della rassegna del Teatro delle Briciole per adulti e bambini
Tutte le rassegne e festival (3)
PRODUZIONI
VAI AL CATALOGO ONLINE
Découvrez tous les productions du Teatro delle Briciole...
Tutte le Produzioni
25 Novembre - 21:00 h.
TEATRO AL PARCO
PUEBLO
Il nuovo lavoro di Ascanio Celestini, il racconto di persone invisibili che ci restituiscono un significato universale
Altre Lingue:     

Violetta lavora alla cassa del supermercato ma immagina di essere la regina di un reame popolato da persone straordinarie. Il pueblo che dà il titolo al nuovo spettacolo di Ascanio Celestini è l’umanità invisibile alla narrazione dominante, sono vite e storie che abitano i margini urbani e sociali ma che, attraverso l’irruzione del prodigioso, acquistano un significato universale, una forza di rappresentazione integrale dell’esistenza umana. 

________________
25 novembre ore 21
Fabbrica presenta
PUEBLO
Un progetto di Ascanio Celestini


che intanto a contare le viole
passa e ripassa il tempo
e l’abito bianco da sposa
diventa un sudario
le calze di seta una calza da ladro
e il tuo anello, il mio anello, e il tuo 
anello, il mio anello
una lunga catena da cane inchiodata
nel muro

Io mi chiamo Violetta
A me la cassa mi piace.
Faccio la pipì prima di mettermi seduta come le bambine prima di mettersi in viaggio. Il papà e la mamma dicono “Violetta, hai fatto la pipì?” tu la fai e monti in macchina. Per cento chilometri non ti scappa.
Sul seggiolino della mia cassa sono una regina in trono.
I clienti depositano salami e formaggi, pasta olio burro e pizze surgelate, tranci di pesce africano e bistecche di montone americano, litri di alcol in confezioni di tutti i generi, vetro, plastica, tetrapack, alluminio.
Io mi figuro che non sono i clienti, ma sudditi. Sudditi gentili che mi vengono a regalare le cose. Sudditi che dicono “prego signora regina prenda questo baccalà congelato, questi biscotti per diabetici. Prego prenda questo vino nel tetrapack, sono tre litri, è prodotto da qualche parte in Francia o Cina. Prego…”
E io dico “grazie, grazie, grazie”

------------------

“Violetta è una giovane donna che lavora in un supermercato. Non le piace il lavoro che fa. Lavora alla cassa dove fatica anche ad alzarsi per andare al gabinetto. Allora immagina di essere una regina. E nella sua immaginazione anche il mondo che si trova fuori dal supermercato è un reame, pieno di gente interessante che lei incontra e che le racconta storie. Una barbona che rimpiange un uomo al quale ha voluto molto bene, un africano, facchino in un grande magazzino. E poi il padre di Domenica, scomparso quando lei era molto piccola o uno zingaro che ha conosciuto quando era bambina, bambino anche lui, e che ha rincontrato da grande. Tutti questi personaggi e le loro storie interagiscono, si incrociano, soprattutto attraverso un altro personaggio chiave del racconto: una ex prostituta proprietaria di un bar di periferia, di quelli con le slot machine, dove in qualche maniera tutti finiscono.
A me interessava raccontare la storia di un luogo che normalmente conosciamo solo quando vi accade qualcosa di scandaloso, di tremendo, di violento. Quando quello che accade, insomma, si trasforma in una notizia.
E invece questo posto può essere osservato semplicemente perché esiste ogni giorno e non solo quando i fatti si trasformano in notizie. Qui abitano personaggi con un’umanità molto evidente il cui tratto principale è la debolezza. Sono deboli anche quando sono violenti, sono deboli anche quando sono cattivi, sono deboli anche quando sono colpevoli.
“Pueblo” è la seconda parte di una trilogia che comincia con “Laika”. In entrambi i casi si tratta di vicende di personaggi che vivono ai margini della narrazione alla quale siamo abituati. Personaggi che non hanno alcun potere e spesso stentano a sopravvivere, ma si aspettano continuamente che il mondo gli mostrerà qualcosa di prodigioso. Ci credono talmente tanto che alla fine il prodigio accade. Ignorano il potere di Dio o degli eserciti. La loro forza e la loro debolezza sono la stessa cosa, per questo, pur essendo ai margini della società vorrei che riuscissero a rappresentarla per intero. Questo spero di provocare: che lo spettatore professionista borghese, il giovane laureato o lo studente che ancora vive coi genitori si identifichi in un barbone o in una prostituta rumena, non perché vive la stessa condizione sociale, ma la stessa condizione umana.”
Ascanio Celestini


Ideale continuazione dello spettacolo «Laika» , come dichiarato dallo stesso autore, “Pueblo” rivive negli stessi luoghi: il bar, il luogo dove tutto accade; il supermercato, il luogo della fatica, come il marciapiede, la fabbrica; la periferia, intesa come margine del mondo, ma anche isola dove l’umanità è più forte, più viva e più visibile proprio perché nessuno guarda.

Violetta non è soltanto uno dei personaggi della storia, ma incarna un mondo di disillusioni, di sogni traditi e di vite vissute tra la fatica del quotidiano e la bellezza delle persone che vi si incontrano. Ancora una volta Ascanio Celestini ci trascina tra le chiacchiere di questi disperati, che poi disperati non sono se non agli occhi altrui, e ci restituisce un mondo fatto di povertà ma anche di rara bellezza, di ignoranza ma anche di atavica saggezza, e come nel miracolo finale di Laika anche qui si assisterà a prodigi straordinari che nessuno noterà.


PUEBLO
Uno spettacolo di Ascanio Celestini
Con Ascanio Celestini e Gianluca Casadei
Suono Andrea Pesce
Una produzione Fabbrica srl
In co-produzione con RomaEuropa Festival 2017
e il Teatro Stabile dell’Umbria

Altri
28 Ottobre
THIS IS NOT ONLY A PARTY, 30 ANNI A...
Dalle 10 a tarda sera laboratori aperti a tutti, spetta...
Vedi
11 Novembre
NUIT
Debutta a Parma il Collectif Petit Travers, un modo di ...
Vedi
Dal 2 al 03 Dicembre
CORTI DI CARTA I, I, III
Con la carta scomparirà anche l`uomo che ne ha accompa...
Vedi
2 Dicembre
OPERA OPAQUE
Dalla Francia l`umorismo dark di un cabaret gotico e lu...
Vedi
16 Dicembre
VON
Dopo Avignone, arriva a Parma il nuovo spettacolo del c...
Vedi
19 Gennaio
DIALOGHI DEGLI DEI
I Sacchi di Sabbia e Massimiliano Civica rileggono con ...
Vedi
25 Gennaio
INFERNO
La poesia di Dante come ricerca di voce e suono negli ...
Vedi
3 Febbraio
PEDIGREE
Il nuovo lavoro di Babilonia Teatri. Padri e figli nell...
Vedi
10 Febbraio
ACROSS THE UNIVERSE
Un uomo e una donna alle prese con attese, desideri e p...
Vedi
16 Febbraio
LE AVVENTURE DI NUMERO PRIMO
Marco Paolini racconta un futuro comico e apocalittico,...
Vedi
23 Febbraio
TRATTATO DI ECONOMIA
Cabaret, danza d`autore e narrazione parodizzati e demi...
Vedi
2 Marzo
OSSIGENO
Da uno degli autori di punta del nuovo teatro russo, un...
Vedi
10 Marzo
MIO EROE
Giuliana Musso dà voce alle madri dei soldati italiani...
Vedi
23 Marzo
LES FOLLES
Santiago Moreno e Delphine Bardot trasferiscono la trag...
Vedi
7 Aprile
LA VITA FERMA
Lucia Calamaro, una delle drammaturghe di ponta di ques...
Vedi
14 Aprile
PERSONALE, POLITICO, PENTOTHAL
Opera rap per Andrea Pazienza che nasce dal sodalizio t...
Vedi
21 Aprile
LOSE YOUR TIES SHOW - CONCERTO
Il trio anglo-tedesco-americano indie world fusion, app...
Vedi