Cinema
Informazioni
Cinema Edison
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Largo Otto Marzo, 9/a
43100 Parma (IT)
4 Dicembre
FELICITÉ
Il film di Alain Gomis premiato a Berlino: una splendida sorpresa in sala lunedì alle 21.00 in versione originale con sottotitoli
Altre Lingue:     

Una madre coraggio con la grinta di Anna Magnani è la protagonista di `Félicité` di Alain Gomis in sala dal 31 agosto distribuito da Kitchenfilm e vincitore alla 67/a edizione del Festival di Berlino del prestigioso Gran Premio della Giuria. Di scena il neorealismo quasi documentaristico del regista francese che va in Congo per raccontare con minimalismo, suggestioni, musica classica e popolare la tragica vicenda di una madre di nome Félicité (l`esordiente Véro Tshanda Beya), una cantante in un locale a Kinshasa, la cui vita viene sconvolta quando il figlio Samo (Gaetan Claudia) di quattordici anni rischia di perdere una gamba dopo un incidente stradale. Da qui un`Odissea di questa coriacea donna che non si ferma mai pur di trovare i troppi soldi che nella corrotta sanità congolese permetterebbero al ragazzino di essere operato e salvato.

Comincia così la sua disperata ricerca attraverso la città dove incontra di tutto e fa di tutto pur di procacciarsi il denaro. Dalla sua parte solo il suo compagno di sempre, pieno di alcool e silenzioso affetto, di nome Tabù (Papi Mpaka). Quando al figlio viene tagliata la gamba, la donna ha uno smarrimento, non canta più, entra nel mondo dei sogni, va alla deriva, fino a quando l`amore la riporta alla musica ed alla realtà. "Penso che la gestazione di un film - dice nelle sue note di regia Gomis - duri alcuni anni e porti con sé molte cose. All`inizio ci sono state persone senegalesi che conoscevo, donne forti che rifiutavano ogni compromesso, affrontavano la vita a testa alta e non si arrendevano mai. Ammiravo questa coerenza, ma nello stesso tempo riflettevo sull`idea di sottomettere la propria vita alla volontà di qualcun altro. Insomma ero interessato alla dialettica tra lotta e rassegnazione che è un tema comune a tutti i miei film".