Cinema
Informazioni
Cinema Edison
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Largo Otto Marzo, 9/a
43100 Parma (IT)
AGENDA
21 Settembre
EVVIVA GIUSEPPE
Il regista Stefano Consiglio presenta l`anteprima parmigiana del documentario prodotto da Solares...
Appuntamenti in agenda (5)
5 Maggio - 21:15 h.
CINEMA EDISON D'ESSAI
IL FIGLIO
Un padre incontra il ragazzo che ha ucciso suo figlio. Nell`ambito del Festival dei diritti umani, un film che interroga la coscienza dello spettatore obbligandolo a una scelta morale. Una pietra miliare nel cinema dei fratelli Dardenne.
Altre Lingue:     
Il figlio
Un film di Luc Dardenne, Jean-Pierre Dardenne
Con Olivier Gourmet, Morgan Marinne, Isabella Soupart
Drammatico, 103` - Belgio, Francia 2002.

È rarissimo incontrare un film che riunisca, come Il figlio, temi di una densità che sfiora la metafisica con un senso così preciso, così fisico, della concretezza delle cose e dei corpi. Il soggetto, degno di Dostoevskij (il delitto, il castigo, il perdono), è incentrato sul rapporto tra il padre di un bambino morto e il ragazzo che lo ha ucciso. Olivier forma apprendisti carpentieri in un centro per il recupero dei delinquenti minorili. L`uomo è sconvolto dall`arrivo di Francis, responsabile della morte di suo figlio; più che cercare la vendetta, tuttavia, egli si sforza di capire: come e perché Francis, che aveva solo undici anni, può avere compiuto un similedelitto? In un crescendo di sorprese, sino al finale. Per affrontare un conflitto morale, etico, psicologico così estremo, Jean-Pierre e Luc Dardenne adottano uno stile visivo senza concessioni, rigoroso fino al rigorismo. In primo luogo, la storia rinuncia a qualsiasi prospettiva temporale risolvendosi in un assoluto presente; meglio, nel singolo istante. Il dramma è messo in scena senza il minimo accenno di retorica, attraverso i corpi - corpi, prima ancora che personaggi - gli oggetti, i gesti quotidiani. La macchina da presa sta addosso a Olivier inquadrandolo in primo piano e in dettaglio, di lato e di schiena, frammentandone l`anatomia e giungendo fino a fargli ostruire la visione. Una sorta di semi-soggettiva ininterrotta che porta lo sguardo dello spettatore a coincidere con quello dei registi e, a tratti, con ciò che vede Olivier. Nel 1999 i Dardenne non ottennero soltanto la Palma d`oro per Rosetta, ma fecero vincere a Emilie Dequenne il premio per la migliore attrice. Quest`anno il trofeo, meritatissimo, è toccato al protagonista del Figlio, Olivier Gourmet: a riprova del fatto che, per i fratelli belgi, la scelta degli interpreti è, già in sé, un atto di regia.

Roberto Nepoti, La Repubblica, 11 ottobre 2002