Arte
Informazioni
Galleria delle colonne
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Largo Otto Marzo, 9/a
43100 Parma (IT)
COLLEZIONE D'ARTE
Peter Greenaway
Rides
Catalogo Collezione d'arte
COLLEZIONE FOTOGRAFICA
Archivio Roger Corman
Catalogo Collezione fotografica
CATALOGHI
DENNIS OPPENHEIM
Silvana Editoriale
Tutti i Cataloghi
DOCUMENTARI E VIDEO
Super8 Stories
di Emir Kusturica
Catalogo Documentari e Video
PREMIO TRECENTOSESSANTA
BERTRAND TAVERNIER
Tutti i premiati
SOLARES, I PROGETTI PER ARTE ED EVENTI
La grande mostra per il Salone del Mobile di Milano, 40 anni di immagini dei film di Bertolucci a New York, e molto altro. Ecco le più recenti iniziative di Solares Fondazione delle Arti nell`area arte ed eventi
Altre Lingue:     
2011

PRINCIPIA - Arti e sostanze delle Arti Prossime
Milano Piazza Duomo 11 / 27 aprile 2011

L’ambizioso progetto 2011 intitolato “Principia. Stanze e sostanze delle arti prossime”, con il Patrocinio del Comune di Milano e ideato e curato da Denis Santachiara in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti, ha previsto la realizzazione in Piazza Duomo di un padiglione “molecolare” suddiviso in 8 stanze, ognuna delle quali esprime un principium originato dalla scienza, come motore per realizzare opere sonore, visive, architettoniche e di arti industriali. La volontà è trasmettere come i principia nel contemporaneo si siano moltiplicati e attraversino i sensi
della percezione umana.
Alle 8 stanze di “Principia” si accede attraverso uno spazio introduttivo che evidenzia i rapporti della produzione delle arti storiche con i principi matematici, geometrici, ottici, magnetici, elettrici
ed elettronici che hanno caratterizzato la storia dell’arte.

2010

Bertolucci Images,
New York, Art Directors Club,
17 dicembre / 10 gennaio 2011
,
a cura di Marcello Garofalo, che include 140 immagini dei film diretti da Bernardo Bertolucci dal 1962 al 2003, realizzate da diversi fotografi, un viaggio evocativo di circa quarant`anni attraverso un grande cinema introspettivo.
Curata dal critico cinematografico e saggista Marcello Garofalo, realizzata da Solares Fondazione delle Arti, la mostra presenta non solo momenti fotografici ripresi sui set dei grandi film firmati dal Maestro, come Il Conformista, Prima della Rivoluzione, Novecento, L`Ultimo Imperatore, ma anche delle rarità come le foto del corto Histoire d`Eaux (episodio del film Ten Minutes Older) oppure i fotogrammi del documentario La via del petrolio, girato da Bertolucci nel 1967.

Il Grande Gioco
Museo d`arte contemporanea di Lissone, Rotonda di Via Besana di Milano e GAMeC (Galleria d`Arte Moderna e Contemporanea) di Bergamo,
24 febbraio 9 maggio 2010.
Un progetto a cura di Luigi Cavadini, Giacinto Di Pietrantonio e Bruno Corà, promosso da Regione Lombardia in collaborazione con Comune di Milano, Comune di Bergamo e Comune di Lissone.
Una grande mostra per descrivere e interpretare quarant’anni di storia italiana. Avendo nell’arte il punto focale, inserendo però le espressioni artistiche nel contesto culturale, sociale economico di decenni rivelatisi cruciali per l’Italia: quelli dal 1947 al 1989, dall’immediato dopoguerra alla caduta del muro di Berlino. Sono stati gli anni della ricostruzione dopo una guerra tra le più devastanti, ma anche del celebrato “miracolo italiano”, gli anni della contestazione e del terrorismo, gli anni complessi della Guerra fredda. Anni comunque fondamentali anche per capire ciò che è l’Italia di oggi, nell’economia, nella politica e, a suo modo, anche nell’arte. Per realizzare una così importante rassegna tre realtà hanno unito gli sforzi: Il Comune di Lissone con il suo Museo d’arte contemporanea, il Comune di Bergamo con la GAMeC �" Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea e il Comune di Milano - Cultura, con i suoi spazi della Rotonda di via Besana, strettamente affiancate dall’Assessorato alla Cultura della Regione Lombardia. A ideare il progetto e curare la mostra Luigi Cavadini, Bruno Corà e Giacinto Di Pietrantonio.

Gli anni della dolce vita.
Fotografie di Marcello Geppetti e Arturo Zavattini. Mole Antonelliana, Torino, 9 gennaio - 21 marzo 2010.

A cinquant`anni dalla realizzazione del capolavoro di Federico Fellini, il Museo Nazionale del Cinema presenta alla Mole Antonelliana, dal 19 gennaio al 21 marzo 2010, la mostra Gli anni della Dolce Vita. Fotografie di Marcello Geppetti e Arturo Zavattini.
L`evento è realizzato in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti, Parma, ed è a cura di Alberto Barbera per il Museo Nazionale del Cinema e di Massimiliano Di Liberto per Solares Fondazione per le Arti.  La mostra - in tutto oltre 160 immagini di grande formato - rende omaggio al film di Federico Fellini e, nello stesso tempo, ricostruisce il clima della dolce vita romana alla fine degli anni `50, gli stessi che servirono di ispirazione al regista riminese. Autore degli scatti è Marcello Geppetti, un "paparazzo" tra i protagonisti di quella memorabile stagione che vide la trasformazione della capitale, invasa da star e starlette provenienti soprattutto da Hollywood. Le oltre 140 istantanee sono in larga parte poco conosciute in Italia perché prevalentemente pubblicate da giornali e riviste straniere.
Alle immagini "rubate" da Geppetti per le strade e nei locali notturni romani, si contrappongono le 28 fotografie, scattate nei momenti di pausa del set della "Dolce Vita" di Fellini, dall`operatore Arturo Zavattini, figlio del grande Cesare e operatore alla macchina del film, quasi del tutto inedite perché gelosamente conservate sino ad oggi dal suo autore nel proprio archivio privato.
"Zavattini - ricorda Alberto Barbera nell`introduzione al catalogo della mostra - rubò pudicamente alcune immagini nelle pause del set e il risultato - nella sua voluta e, vorrei dire, ricercata semplicità - è tanto più straordinario in quanto ci rivela istanti insospettati di una lavorazione che molti di noi avrebbero probabilmente immaginato diversa."
La mostra è completata da un catalogo edito dal Museo Nazionale del Cinema, che comprende - oltre a tutte le fotografie in mostra e all`introduzione di Alberto Barbera (Direttore del Museo Nazionale del Cinema) e di Stefano Caselli (Presidente di Solares Fondazione delle arti) - due saggi critici di Tullio Kezich e Rocco Moliterni.

Isole mai trovate.
Palazzo Ducale, 12 marzo - 13 giugno 2010.
Un progetto a cura di Lóránd Hegyi, Katerina Koskina, promossa e organizzata da Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, insieme al Musée d’Art Moderne di St-Etienne e il Museo di Stato di Arte Contemporanea di Salonicco, in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti. Genova, Dopo Genova le opere saranno successivamente esposte in Francia, Grecia e Spagna. L’esposizione coinvolge 30 artisti di fama internazionale, chiamati a interpretare, con alcune opere inedite, la propria isola mai trovata, attraverso una navigazione eterna, pervasa comunque dal dubbio se davvero quell’isola esista.

Premio Trecentosessanta a James Ivory.
Parma premia James Ivory e lo accoglie per la "prima" del suo ultimo film. È stata assegnata al grande regista californiano, autore di film indimenticabili come `Camera con vista` e `Casa Howard`, l`edizione 2010 di Trecentosessanta, il premio all’eccellenza artistica della Città di Parma istituito nove anni fa da Solares Fondazione delle Arti in collaborazione con il Comune di Parma, per tributare un omaggio ai protagonisti del cinema internazionale che incontrano la città.
L`ottantaduenne cineasta, vincitore di numerosi premi (il prestigioso Premio alla Carriera D.W. Griffith, il David di Donatello, il Bafta, molte nomination al Premio Oscar), ha ricevuto il riconoscimento al Cinema Edison d`essai il 19 aprile alle 21 dove ha incontrato il pubblico e presentato la "prima" di `The city of your final destination`, prodotto dalla Merchant Ivory productions e tratto dall`omonimo romanzo di Peter Cameron, pubblicato in Italia da Adelphi con il titolo `Quella sera dorata`.

2009

Magnificenza e Progetto cinquecento anni di grande arte decorativa e design italiani a confronto. Concept Cristina Acidini e Luigi Settembrini, direzione del progetto di Luigi Settembrini, curatore Enrico Colle, curatore per la parte contemporanea Manolo De Giorgi, architettura e messa in scena Mario Bellini Architects, immagine grafica Italo Lupi in collaborazione con Fondazione COSMIT  Eventi e Comune di Milano (Palazzo Reale, Milano).
La mostra, organizzata in occasione del Salone Internazionale del Mobile 2009,  ha raccolto un confronto all’americana tra due universi paralleli e lontani nel tempo: quello del mobile classico italiano che prende le mosse dal periodo umanista quattro-cinquecentesco con la propaggine innovativa nell’arredo d’autore settecentesco e Impero e quello invece del design italiano della seconda metà del XX secolo con la riscoperta e la riproposizione di una serie di progetti unici e irripetibili. Si tratta di una ricognizione-confronto sulle radici che stanno alla base della cultura alto-artigianale italiana la cui complessità e varietà appare come una costante da oltre cinque secoli. La scelta di pezzi necessariamente unici del periodo classico del mobile si affianca a quella di pezzi altrettanto unici della cultura del produzione industriale che hanno conosciuto piccole serie, tirature limitate o solo parziali riconoscimenti dal mercato. è stato realizzato un catalogo internazionale (Ed.  Skira).

Fragile, Terres d’empathie.
Mostra internazionale itinerante organizzata in Francia presso  il Musée d`Art Moderne di Saint-Etienne,  in Italia presso l’Accademia d’Ungheria a Roma e in Corea al Daejeon Museum of Art. La mostra, curata da Lóránd Hegyi presenta opere di artisti quali  Ruth Barabash, Massimo Bartolini, Frauke Boggasch, Marina Bolla, Rebecca Bournigault, Yves Bresson, Davide Cantoni, Alice Cattaneo, Loris Cecchini, Dae-Jin Choi, Tessa Manon den Uyl, Karin Fauchard, Roland Flexner, Andrea Fogli, Kevin Francis Gray, Carlos Garaicoa, Francesco Gennari, Ugo Giletta, Paolo Grassino, Myoung-Ok Han, Siobhan Hapaska, Bernd Koller, Jan Kopp, Insook Kwon, Kimsooja, Denica Lehocka, Eric Manigaud, Dacia Manto, Carla Mattii, Sabrina Mezzaqui, Helen Mirra, Liliana Moro, Vik Muniz, Sirous Namazi, Isabel Nolan, Marina Paris, Pavel Pepperstein, Marina Perez Simao, Francoise Pétrovitch, Laszlo Revesz, Anila Rubiku, Hiraki Sawa, Fabian Seiz, Francesco Sena, Kati Szil, Kei Takemura, Mariusz Tarkawian, Barthelemy Toguo, Paul Wallach, Lois Weinberger, Sookyung Yee. Catalogo edito da Skira.

Essential Experience. Mostra di arte contemporanea che ha avuto luogo in due diverse sedi: Palazzo Riso e Palazzo Abatellis affronta fondamentali questioni etiche che riguardano il concetto di creazione e il tema della responsabilità dell’artista, la capacità di coinvolgere il visitatore nel suo viaggio di interpretazione dei grandi temi esistenziali �" quali il trascorrere del tempo, la morte, la solitudine, l’identità, l’amore �" attraverso segni, simboli e metafore, al tempo stesso semplici e complesse. Sono presenti oltre 24 artisti figurano selezionati da Lóránd Hegyi tra i quali  Pedro Cabrita Reis, Richard Nonas, Dennis Oppenheim, Giuseppe Penone, Michelangelo Pistoletto, Gerhard Richter. Catalogo edito da Electa.


2008
Sublime, Michael Nyman.
Progetto multimediale presentato nell`ambito del festival Fotografia Europea a Reggio Emilia (10 maggio / 8 giugno), incentrato sulle fotografie che Michael Nyman ha realizzato in diverse parti del mondo (Parigi, Barcellona, New York, Città del Messico, Hong Kong, Venezia) seguendo differenti temi e ritmi, visivi e musicali. La mostra e il volume ad essa collegato includono una serie di brani musicali inediti del compositore, mettono in luce gli stretti legami tra creazione musicale e creazione visiva. Promossa da Solares Fondazione delle Arti con Fondazione Nazionale della Danza, Volumina Associazione Culturale con il contributo del Comune di Reggio Emilia.

GNAM- Gastronomia nell`Arte Moderna. L`edizione 2008 (3 maggio / 3 giugno) del progetto dedicato alle infinite interrelazioni possibili tra arte e cibo è co-finanziato dal Progetto Cultura 2007-2013 della Commissione Cultura dell`U/ Olanda. A Parma l`attenzione si volge alla fotografia: Martin Parr, ospite d’onore della manifestazione, ha accettato - ed è la sua prima volta - di esporre una serie di stampe fotografiche di grande e grandissimo formato negli spazi urbani creando un percorso per immagini che coinvolge l’intero centro storico. Altri grandi nomi della fotografia hanno aderito al progetto, esponendo le loro opere: l`australiano Carl Warner, con i suoi Foodscapes, divertenti paesaggi fatti di cibo, e l`italiano Mario De Biasi con la sua mostra Recycle, please, un lavoro in cui utilizza bottiglie verdi e i tappi rossi di Ferrarelle, per sperimentare nuove superfici, materie e riflessi. Coinvolti anche Shane Waltener, artista inglese che ha creato la foruma dei “Sweet Graffiti”, veri e propri graffiti composti con zucchero glassa e dolciumi, Marcello Geppetti, con i suoi scatti dei divi della “Dolce vita”, ed altri artisti. Catalogo in inglese edito da Silvana Editoriale.
2007

GNAM- Gastronomia nell`Arte Moderna evento promosso da Provincia di Parma, Fondazione Cariparma, Unione Parmense degli Industriali, Camera di Commercio di Parma e realizzato da Solares Fondazione delle Arti sotto la direzione artistica di Andrea Gambetta, presenta un vasto orizzonte di opere d`arte che riflettono il complesso tema del mangiare, fornendone un contesto storico, antropologico, sociologico e culturale.
L`evento include una mostra di arte contemporanea Foodscapes-Art&Gastronomy prodotta da Solares Fondazione delle Arti, che raccoglie artisti selezionati da Lóránd Hegyi tra i quali Marina Abramovic, John Armleder, Vanessa Beecroft, Erro,  Gilbert & George, Nan Goldin, Sejla Kameric, Hermann Nitsch, Dennis Oppenheim, Orlan, Michelangelo Pistoletto, Daniel Spoerri.
Annessa è stata organizzata una sequenza di mostre, performances, incontri con artisti e scrittori, intorno al binomio cibo, arte e cultura. Tra questi vi sono mostre fotografiche come “Last Supper”, in  anteprima europea, di Celia A. Shapiro, “Hungry Planet” ,anteprima nazionale, di Peter Menzel e Faith D`Aluisio, “La dolce vita”  di Marcello Geppetti, un`installazione fotografica “Eat Me” di Corrado Dalcò, oltre a spettacoli teatrali tra cui  “Good Body”diretto da Giuseppe Bertolucci e Luisa Grosso. Hanno arricchito l`evento numerosi incotrni con personaggi quali Emir Kusturica, Gérard Depardieu, Domenico Calopresti,  Eve Ensler, Paolo Nori, Massimo Carlotto e Francesco Abate. È stato realizzato un catalogo internazionale (Ed.  Motta).

Micro Narratives mostra internazionale organizzata presso il Centro Culturale di Belgrado, all`interno della Legacy House, in occasione della”48th October Salon of Belgrade”. La mostra è diretta dal Solares Fondazione delle Arti, e presenta 86 artisti internazionali selezionati da Lóránd Hegyi.

Bernardo Bertolucci: Images (Castel dell`Ovo, Napoli)
La mostra fotografica organizzata in collaborazione con Marcello Garofalo, di fotografie tratte dai sets dei film più importanti di Bernardo Betolucci come: La commare secca, Prima della rivoluzione, Agonia, Partner, La strategia del ragno, Il conformista, Ultimo tango a Parigi, Novecento, La luna, La tragedia di un uomo ridicolo, L’ultimo imperatore, Il tè nel deserto, Piccolo Buddha, Io ballo da sola, L’assedio.

Camera con Vista - Arte e interni  in Italia 1900 / 2000  un progetto di Luigi Settembrini a cura di Claudia Gian Ferrari e Manolo De Giorgi, in collaborazione con COSMIT  Eventi e Comune di Milano (Palazzo Reale, Milano)
La mostra, organizzata in occasione del Salone Internazionale del Mobile 2007,  ha raccolto disegni, dipinti, sculture, arredi e oggeti dei grandi maestri italiani del `900. Le opere d`arte sono state esposte nelle splendide stanze di Palazzo Reale a Milano. Inoltre, è stato realizzato un catalogo internazionale (Ed.  Skira) con testi di Amerigo Daveri, Manolo De Giorgi, Rachele Ferrario, Claudia Gian Ferrari, Maria Paola Maino e Luigi Settembrini.

Marco Bellocchio: Il cineasta e il pittore (Teatro Comunale dell`Aquila, L`Aquila)
Il Teatro Comunale dell`Aquila -Teatro Stabile d`Abruzzo- ha ospitato l`evento Fratelli d`Arte - Alberto, Marco e Piergiorgio Bellocchio, realizzato in collaborazione con la Presidenza della Regione Abruzzo, la IX Settimana della cultura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e l`Accademia dell`Immagine dell`Aquila.

Bernardo Bertolucci: Images (MART, Rovereto, Trento)
La mostra fotografica organizzata nell`ambito della manifestazione Effetto Bertolucci: Cinema, musica. Immagini (sezione del Festival Futuro Presente) comprendeva fotografie dai sets dei film più importanti di Bernardo Betolucci come: La commare secca, Prima della rivoluzione, Agonia, Partner, La strategia del ragno, Il conformista, Ultimo tango a Parigi, Novecento, La luna, La tragedia di un uomo ridicolo, L’ultimo imperatore, Il tè nel deserto, Piccolo Buddha, Io ballo da sola, L’assedio.

Ernest Borgnine (Cinema Edison, Parma)
La serata ha visto il famoso attore americano ricevere il prestigioso Premio all`Eccellenza Artistica della Città di Parma. Ernest Borgnine ha incontrato il pubblico del Cinema Edison, il quale ha poi potuto assistere alla proiezione del cortometraggio diretto da Sean Penn (11`09``01, interpretato dallo stesso Borgnine) e di Mucchio Selvaggio, storico film diretto da Sam Peckinpah.
Il gusto nell`arte di Walt Disney (Anteprima di GNAM Gastronomia nell`Arte Moderna), mostra a cura di Ira Meyer e Marcello Garofalo, direzione artistica a cura di Andrea Gambetta (Spazio Etoile, Roma)